esposizione storica

Comando RRCC
 
 
Villa Rubini ha una lunga e ricca storia, di cui per fortuna ci sono rimasti materiale e documenti, ed  per questo che abbiamo avuto l’idea di creare una piccola esposizione di quello che ci è rimasto, sopravvivendo a guerre e periodi difficili, fino ad arrivare ad oggi, testimonianza vera di un mondo che non esiste più.

L’ala destra della Villa è rimasta intatta dalla fine della seconda guerra mondiale, perché mai più utilizzata o ristrutturata, e ne sono testimonianza alcuni arredi, e le foto dell’epoca.  Dalla Grande Guerra ci sono rimaste le “scritte” riportate sulle cornici delle porte, quando la Villa era presidio militare, dal “Comando Reali Carabinieri” agli Alloggi dei Sigg. Ufficiali, alle soffitte dove si coricavano gli Attendenti.

Tutto fa riportare indietro nel tempo, dall’architettura di questa parte della Villa, alla vecchia biblioteca, ai bauli dei viaggi, testimonianza di tempi ormai lontani, agli oggetti e attrezzi agricoli di uso comune, ed ora a noi sconosciuto.
 
alloggi ufficiali oggetti militari camera del soldato

Dott.ssa Rosa Rubini,
storica dell'arte

E poi abbiamo ricreato l’allevamento del Baco da Seta, l’attività agricola forse più conosciuta fino alla metà del ‘900, dai vecchi graticci per i bachi che ci sono rimasti a ciò che serviva per filare, tutto per far sì che non venga dimenticato un settore agricolo  che fu così importante per l’economia friulana.

Per questo il ringraziamento va tutto alla dott.ssa Rosa Rubini, laureata in Conservazione dei beni culturali, che con tanta pazienza e passione ha ricavato da quelle che erano “vecchie soffitte”, una testimonianza vera di vita, di viaggi, di storia, di documenti, scoprendo parti e materiali che altrimenti il tempo avrebbe del tutto cancellato. E facendo di queste stanze un vero e affascinante viaggio nel tempo.

 
graticci da baco da seta soffitte dei bachi da seta collezione di bauli d'epoca